Martial Arts “Masters” – FACT or FANTASY? – Part 1

This post is also available in: Italian

 

A new section will be posted to this article: “Martial Arts ‘Masters’ – FACT or FANTASY?”, every Thursday.  Please leave a comment giving your feedback and/or opinions. I look forward to the discussions.


Did you ever question what the term, “Black Belt”, or, Martial Arts “Master”, actually represented?

HISTORY and BACKGROUND

Martial Arts in one form or another has steadily become an integral part of the “western experience” over the last 6 or 7 decades. There are few action movies or television dramas worldwide today that don’t display some sort of martial art technique and sometimes even the more subtle, mental and philosophical aspects as well.

Along with this exposure also comes an element that has both added to the credibility of such skills/talents and also detracted. This is the element of “belt ranking”. There are few westerners who haven’t been exposed to the terms “Black Belt” or perhaps “Karate Master”, “Kung fu Master, etc..

The pertinent question here is what, in fact, do the terms, “Black Belt” and/or “Master”  represent in reality, rather than in fantasy. First, one must dramatically distinguish the difference between “Hollywood”, “Hong Kong”, and “Reality”. Consider that even the word, “acting”, denotes non-reality. If one is “acting” then it is clearly a non-real copy of reality, regardless of the talent and skill of the actor. It is also of great significance to note that even the results of any on screen martial arts encounter is totally controlled (either exaggerated or limited) by whoever writes the script, not what is or it would be in reality.

With those facts established it is important to take care not be so influenced by what the entertainment media projects as reality. For the sake of this discussion I would like to focus specifically to the credibility of martial arts belts or ranking. Be aware also that the potential for illusion has sometimes been extended and even perpetrated by certain actual martial arts practitioners themselves.

It is unfortunate that martial arts activity is one of the few endeavors where a person with minimal skills and/or experience can portray himself/herself to be some “expert” or “master” and actually succeed at having a number of normal people bowing, adulating, and/or following some form of physical and/or psychological cult-like nonsense.

For those interested in true knowledge and for the sake of clarity it is then important to examine the roots and actual significance of any martial arts ranking system. This can be a daunting task because martial arts encompasses many different methods, has been influenced by many different cultures, and legitimately carries sometimes a quite different and/or varied significance depending on many of those factors.

It is not my intention to present myself as the “all knowing” authority and final arbiter on this broad subject but to provide some common sense information so that any individual can do the homework necessary to examine and verify that what he or she is seeing and/or participating in is credible or not. This is particularly significant for those who may be considering investing any significant effort, time, and/or money in some form of martial arts activity.

I will begin by pointing to the fact that most martial arts systems of practice and study employ some sort of ranking system, usually symbolized by some order of belts or sashes worn over the workout attire. The roots of this began in the orient. While various minor modifications to this practice have since occurred there are other, less credible deviations,  that may have changed it drastically.

PURPOSE

The most realistic value in any type of symbolic “ranking system” is to organize the training activity with some level of clarity and credibility. Verbal historic tradition has it that when many of the better remembered “founders” of today began teaching there was no such system. Those teachers were known by reputation to have a higher level of mastery and therefore were sought out by potential students. Within the school, however, there developed a social hierarchy among the students that distinguished between those who were “senior” and those who were junior.

Some stories even go as far to speculate that those students who had trained longer wore cloth belts or sashes to keep their workout attire in order and these belts simply became darker with normal use and wear. Henceforth, it is speculated that when a belt system was ultimately established the colors representing advancement ranged from lighter colors to darker colors symbolizing those students who had been training longer as compared with those with less time and experience. In most of today’s martial arts systems, the grading levels begin at white belt (beginner) and progress to black belt (serious student) before further dividing levels of black belt.

ESTABLISHED PRECEDENTS

Most scholars recognize that Dr. Jigoro Kano was the first person to formally introduce a grading system of belts when Judo was first introduced into the Japanese educational system. It makes sense that in order to have a consistent established curriculum that it would be helpful to divide the material taught and levels of advancement in a systematic manner.

All over the world (with some variation) academic education and curriculum is divided into “grades” and even further separated into Elementary School, Middle School, High School before Secondary education in colleges and universities ranging from Bachelor degrees, Master degree, Doctoral degrees, etc., in numerous disciplines of study.

To quote the late Grandmaster Peter Urban, “the first step in organization is to label everything… accurately.” Take note that the functional word and primary issue is the adverb “accurately”.  Because each system began informally, there has been much misunderstanding and potential abuse of many “traditions” that otherwise would have served to give greater credibility to martial arts activity.

The first and original formal system of organization was divided into “kyu” and “dan”. This ranking system was recognized and adapted by the major martial arts organizations of national stature at that time. The “kyu” could be compared to elementary, middle, and advanced primary levels while the “dan” represented more senior levels akin to Bachelor, Master, Doctoral, etc.) . This system divided the both the kyu and dan each into 10 separate levels of advancement and study. Before long most martial arts systems and organizations adopted this type of division of training levels and curriculum.

“….AND THAT’S THE WAY I SEE IT!”®

Copyright © 2010  R.V. PASCETTA, All rights reserved

(Go to Part 2 of this series)

Go to Questions/Comments Page

Share

8 Comments

  • abe says:

    Great article look forward to the next part of it. Excellent explanations on what"kyu" and "dan" mean. I look forward to your interpretation of the different levels of dan ranking!!!

  • Thank you. Abe. This is another somewhat complicated topic when taking into account the copious varieties of Martial Arts practiced throughout the world today. With this article I hope to thoroughly address this topic in a manner that is generic enough to transcend disciplines and styles yet specific enough to accurately address the common standards and principles that are the real meat of the subject. I welcome input from other seasoned Master instructors who may well fill in any areas I have missed. Again, I hope the readers here are patient enough to follow the weekly additions long enough to read the complete article. We shall see. I look forward to your and their comments and additions.

  • Nakya says:

    Complimenti per l'articolo molto esplicativo

    Quello che mi dispiace è che in epoca modrna molti stili si sono presi la briga di aumentare i passaggi di kyu a dismisura con variopinte cinture tipo gialla con una riga bianca trasversale e cosi via per ogni colore.

    Ora mi domando ha un qualche fondamento storico o è solo una manovra commerciale visto che spesso più esami da sostenere significano più soldi da pagare alla struttura che me li attesta.

    Senza contare che questo spesso si ripercuote nella perdita di qualità dello stile inquanto questo porta ad accellerare i tempi e a dare spesso i livelli senza un vero e proprio merito da parte dell'aglievo.

    Che si aspetterà al momento opportuno di diventare istruttore e quando lo diventerà avrà un bagaglio tecnico ricco di errori che come dicevo comprometteranno la credibilità dello stile.

    So di essere provocatorio ma vorrei che si tenesse d'occhio il valore intrinseco dell'apprendimento cosa che oggi è riccamente sottovalutata

    Grazie

    • Risposta al commento Nakya Inserito il 15/05/2010 alle 08:33

      Grazie per il tuo apprezzamento e complimento. La risposta alla tua domanda è: entrambi. Sì,alcune delle “moderne” scuole di arti marziali hanno diviso le cinture in rami più piccoli probabilmente anche per motivi finanziari. Per me, tuttavia, non è questa la questione più importante. Il vero problema è se questo nuovo cambiamento sia un beneficio per lo studente , insomma se ne vale la pena non solo economicamente. Infatti, se questo cambiamento riduce la qualità degli studenti nell’avanzamento , allora è ovvio che è inutile aggiungere denaro al conto bancario della scuola. D’altra parte,potenzialmente sembrano esserci alcuni legittimi benefici a questa pratica che ho visto, sono stati applicati non solo nei paesi occidentali, ma anche in Oriente.
      Un beneficio reale potrebbe derivare dal dividere le informazioni e le competenze insegnate in segmenti più piccoli, che ipoteticamente potrebbero rendere più semplice l’apprendimento agli studenti. Ricorda che la nostra cultura occidentale è molto diversa da quella orientale e la strada migliore per noi sarebbe di imparare dalla saggezza orientale e miscelarla con l ‘Occidentale. L’una non è meglio dell’altra. Comunque noi dobbiamo lavorare con i nostri studenti occidentali, non aspettiamoci che diventino orientali, cosa che non sono e mai saranno.
      I nostri studenti saranno probabilmente più motivati, se possono fissare obiettivi a breve termine e vederne i risultati. Questo è vantaggioso per loro, tuttavia, suddividendo il materiale in sezioni più piccole,e lo sottolineo ancora una volta, dobbiamo stare attenti a non compromettere la qualità che ci prefiggiamo. In questo modo si possono ricevere i benefici di entrambi i mondi.

      Esamino questo argomento nel dettaglio nelle prossime sezioni dei miei articoli.

  • Graziano says:

    Oggi la classificazione dei livelli è solo opera di interessi economici,miliaia di atleti vengono premiati non per il sapere,e conoscere,ma solo per sborsare soldi.Anche le mezze cinture che oggi sono di moda danno la possibilità di guadagnare al Maestro alle organizzazioni.Non ne parliamo dei passaggi dei Dan. prestazioni tecniche da far paura.Credo che questo modo di operare non porterà mai a un ricambio di grandi Maestri e di grandi filosofie,ci troveremo senza la ricerca della perfezione,della saggezza,della ricerca di noi stessi.Credo che noi uomini stiamo effettivamente dimostrando le nostre debolezze,e i nostri fallimenti nell'arte marziale,vogliamo dimostrare quello che l'arte marziale non è.E'solo la nostra maturazione culturale che ci da il Dan,Il Dan come Uomo,è la nostra crescita interiore che ci da la possibilità di capire e far capire ai nostri allievi.Nel mio Dojo non si fanno esami programmati,ma do la cintura solo quando sono maturati.E dico sempre "Bisogna essere sempre pronti"la nostra vita è un continuo esame,ed è per questo che bisogna essere sempre pronti a qualsiasi risultato e situazione.Ciao oss

    • Risposta ai commenti di Graziano Inserito il 15/05/2010 alle 18:01
      Ciao Masiero, grazie ancora per condividere con noi il tuo pensiero. Sembra che molti seri maestri di arti marziali abbiano le nostre stesse preoccupazioni e perplessità circa l’uso della cintura per gli avanzamenti soprattutto a scopo di lucro. Personalmente, preferisco essere più cauto prima di giudicare genericamente e dare per scontato che queste ipotesi riguardino qualsiasi insegnante, sia i senso positivo che negativo. La vera prova di credibilità è, di nuovo, la buona qualità degli studenti che frequentano la scuola di un qualsiasi maestro. Inoltre, è possibile che ci sia una variabile nella pratica di utilizzate ulteriori prove per gli avanzamenti di cintura , che potrebbe potenzialmente essere più o meno legittimata.
      L’uso di ulteriori prove arbitrarie agli studenti, ogni qualvolta che si credono già pronti, è un metodo molto vecchio e ha chiaramente i suoi vantaggi. Tuttavia, ha anche i suoi svantaggi. In primo luogo, non importa quanto è dedito alla pratica lo studente, essendo umano le sue motivazioni e maturazione tenderanno a procedere a cicli. Sarebbe deplorevole se uno studente molto dedito arrivasse al punto di dubitare dei suoi progressi e si fermasse nella sua formazione solo perché in un preciso momento, deciso dall’insegnante, non fosse in grado di sostenere una buona prova di avanzamento.
      Solo perché noi, quali istruttori, dovremmo avere una buona conoscenza di quando uno studente è pronto ad avanzare, non è detto che dobbiamo aspettarci che egli sia in grado di darci quello che piace a noi , lui non è noi . Lo studente non deve leggere nella nostra mente e/o risolvere un “indovinello”, deve pianificare la sua formazione e stabilire obiettivi realistici in base alla sua personalità .
      Il nostro punto di arrivo , come istruttori, dovrebbe essere quello di rispondere agli obbiettivi degli studenti ‘, non di aspettarsi che essi ruotino intorno alle nostre esigenze e desideri.
      Pur essendo d’accordo che sia importante che lo studente sia preparato in ogni punto, nessuna persona è disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Se tu fossi uno studente universitario in una Università seria ti dovresti probabilmente pianificare un programma di studio e un elenco di date e di argomenti sui quali verrai poi esaminato.
      Ciò ti consentirebbe di preparare in maniera più approfondita lo studio in ogni passaggio ed arrivare così progressivamente a capire bene la materia che stai imparando. Per sostenere alcuni esami anche quì forse dovresti pagare una tassa. Tale tassa servirebbe a coprire i costi amministrativi della prova. L’unico modo per rendere questa procedura poco credibile sarebbe se tu fossi promosso di grado, anche se fallissi la prova. E’ comprovato che questo metodo è utile e necessario per fissare le date dei test e ad arrivare a raggiungere i requisiti specifici del caso per raggiungere l’avanzamento in ogni campo di studio.
      La mia conclusione è che alla fine, è ancora una volta la buona qualità delle prestazioni degli studenti che deve essere superiore. Se la qualità è povera e i requisiti per l’avanzamento deboli, allora sono d’accordo con la tua valutazione.
      Anche se lo Chef è famoso e il pasto che ci prepara sembra buono e appare appetitoso, fino a quando non lo assaggiamo non lo potremo sapere , poco importa come si presenta.

  • Nakya says:

    Graziano non potrei essere più d’accordo con quanto hai detto complimenti davvero.
    Ciao